Il significato del bambù nella cultura orientale

Il significato del bambù nella cultura orientale

Il significato del bambù nella cultura orientale

Il bambù è una pianta molto antica che noi occidentali associamo al fascino della cultura orientale. Quando pensiamo a questa specie, ci vengono in mente la suggestiva foresta di bambù di Kyoto, con le sua canne che crescono a perdita d’occhio, oppure le antiche pitture giapponesi che lo rappresentano.

Per conoscere a fondo il significato del bambù, dobbiamo quindi scavare nella cultura orientale, dove questa pianta si carica di un valore simbolico che va ben al di là rispetto al suo valore economico. Cominciamo quindi questo viaggio alla scoperta dei misteri del bambù.

Il bambù e il significato simbolico della pianta

Miti e antiche leggende orientali contengono spesso riferimenti al bambù. In questi racconti non è raro imbattersi in condottieri che si fanno strada nelle foreste di bambù, donne innamorate che con le loro lacrime macchiano per sempre le sue canne oppure contadini che riescono a sposare ricche principesse grazie al bambù.

A volta il significato del bambù cambia a seconda della cultura, della religione o dello Stato a cui si fa riferimento. Ad esempio in India il bambù è il simbolo dell’amicizia, mentre in Cina simboleggia la longevità. Si tratta di piante che sono molto comuni nei giardini tradizionali cinesi, in abbinamento al pino e al pruno, con i quali il bambù forma i Tre Amici d’Inverno.

In Vietnam il bambù ha un significato ancora diverso, infatti è considerato il simbolo della forza della nazione, ma anche lo spirito delle arti marziali vietnamite.  In Giappone la pianta simboleggia la coscienza degli uomini forti, perché anche se il bambù è sferzato dal vento e della pioggia, si piega ma non si spezza.

Il significato del bambù nelle religioni orientali

Non è possibile parlare del significato del bambù senza fare riferimento alle religioni orientali. Secondo l’ideologia di Confucio, il bambù è uno dei Quattro Signori insieme al crisantemo, l’orchidea e il fiore della prugna. Ognuna di queste piante rappresenta una delle virtù del gentiluomo e il bambù diventa sinonimo di rettitudine, semplicità, tenacia ed eleganza. La cavità all’interno della pianta sta a significare l’assenza di arroganza e pregiudizio.

Nel buddismo il bambù ha ruolo chiave, infatti gli antichi monasteri sono spesso circondati da boschi di bambù, da cui i monaci ricavano i germogli di bambù, utilizzati in cucina. La filosofia buddista vieta di danneggiare gli animali e grazie alle proprietà nutritive dei germogli, i monaci riescono ad evitare i pasti a base di carne, pesce e uova.

Come i monasteri buddisti, anche i templi scintoisti sono delimitati dal bambù, ma la motivazione è diversa. Secondo la religione scintoista il bambù è un’efficace barriera protettiva contro il male. In questi contesti la pianta produce anche un effetto ornamentale che rende magici questi luoghi ed è la stessa ragione per cui anche noi occidentali utilizziamo il bambù per arredare casa e giardino.

Il valore mistico del bambù che proviene dalle antiche culture, va ad aggiungersi alla sua capacità di assorbire 200 kg di CO2 ogni anno, con un solo lotto di 25 piante. Questa è la ragione per cui SaveHuman promuove la coltivazione del bambù anche in Italia. Vai nello shop di SaveHuman e scopri come aderire al progetto!

Condividi e diffondi
Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
0
Mi piacerebbe che i tuoi pensieri, per favore commenta.x

Le piantumazioni dei sostenitori nel MONDO

Interactive Web Application
  • Satellite
Paesi
Map
Satellite
Annalisa Chiarelli